BIOGRAFIA

Elvino Motti nasce a Dosso del Liro (Co) nel 1952. Frequenta l’Istituto d’Arte di Cantù ove, allievo di Vangi, diviene Maestro d’Arte. Frequenta poi l’Accademia delle Belle Arti di Brera, diplomandosi nel 1975. Iscritto ai corsi di scultura di Messina, Basaldella, Marchese, approfondisce e perfeziona la tecnica e il suo interesse fondamentale: l’implicazione dello spazio nella forma, graduata lungo superfici tondeggianti e levigate.

Tra il 1980 e il 2010 allo IAL Lombardia segue la formazione professionale post-diploma come docente, coordinatore e tutor dei corsi di restauro per opere lignee policrome dorate. Primo docente di Figura e Ornato modellato al Liceo Artistico Brera di Milano, diviene poi docente di Figura modellata al Liceo Artistico di Cantù (Co). Già dal 1975 ottiene i primi riconoscimenti ufficiali con l’esposizione di una scultura lignea in occasione del Premio Internazionale d’Arte Contemporanea “Artisti Oggi”, Milano. Partecipa a moltissime mostre in Italia ed all’estero dove ottiene numerosi riconoscimenti.

Le forme di luce scolpita di Motti non sono astratte entità geometriche, ma volumi generati dalla materia, che assume altre configurazioni rispetto la forma originaria, dimostrando che le figure sono la proiezione di quei fenomeni che nella natura accadono. Per questo ogni opera di Motti è un inno alla vita, omaggio al sole, ali spiegate verso l’alto alla ricerca del “cuore” non della sola materia, ma del mondo. Lo sguardo che si posa sulla scultura contribuisce a scoprirne la superficie levigata e perfetta, esaltando i passaggi lisci e scabri negli aggetti e l’ombra delle rientranze, è sguardo sensibile.

La galleria Zanini Arte dedica nel 2013 una mostra personale all’artista Elvino Motti intitolata “L’Anima della Materia”.