Latta liquida

Tecnica mista su tavola, cm. 30 x 20

BIOGRAFIA

Mauro Pipani (1953) nasce a Cesenatico, vive e lavora a Cesena. Si diploma nel 1976 all’Accademia di Belle Arti di Bologna, con Pompilio Mandelli e Maurizio Bottarelli. Master in Architettura Sostenibile, interior design, docente all’Accademia di Belle Arti di Verona, da oltre tre decenni svolge la sua attività artistica attraversando pittura, disegno e progettazione. Esordisce nel 1972 con il collettivo “la Comune” gruppo di giovani artisti diretto da Dario Fo. Nel 1973 partecipa al premio Suzzara. Nel 1975 è fra i fondatori, all’interno dell’Accademia di Belle Arti, del collettivo artistico di Via delle Bisce, gruppo di giovani artisti che, nella varietà dei linguaggi individuali, è unito dalla volontà di fare arte socialmente impegnata. Negli anni ‘70 collabora con la rivista culturale “sul Porto” diretta Walter Valeri, Stefano Simoncelli e Ferruccio Benzoni. All’attivo decine di mostre personali e collettive di rilievo nazionale, con testi critici di Gian Ruggero Manzoni, Rosanna Ricci, Enzo Dallara, Erica Calvi, Maria Virginia Cardi, Marco Meneguzzo, Maria Rita Bentini, Alberto Zanchetta, Adriano Baccilieri, Edoardo Di Mauro, Giancarlo Papi, Sabina Ghinassi, Claudio Spadoni, Francesca Battistini, Marisa Zattini, Annamaria Bernucci, Camilla Boemio, Raffaele Quattrone e Renato Barilli.

L’opera nasce dopo una attenta disposizione dei materiali usati. All’inizio crea la superficie del supporto ligneo su cui dispone a strati, con attenzione: garze, tessuti, carte incollate, frammenti metallici, resine che generalmente caratterizzano l’incipit della creazione, sia nei piccoli o nei grandi formati. Mantiene tutto in posizione orizzontale, come fosse una pagina, poi solo alla “fine” verticalizza l’immagine, per poterla  razionalizzare pittoricamente. Durante questo procedimento lento e complesso riaffiora l’universo delle immagini, il pensiero psicologico, che non è mai premeditato. La creazione ha origine da visioni liriche, frammenti emotivi che appartengono alla sua storia, poi divenuta ‘mondo interiore’, stabilendo quella che Freud definì “relazione fra i sogni e la vita da svegli”: landscapes di luoghi che esistono dentro di noi, che ci ricollegano con realtà ed emozioni del passato, espressioni della vita intellettuale di cui siamo stati spettatori o protagonisti. Sono memorie, immagini vivide, dettagliate e simboliche, che dipinge sulle rarefazioni di materiali cartacei sovrapposti. Immagini abbagliate, bagnate dagli argentei marini che lasciano pensare a profumi salmastri, scritture e accecamenti sull’acqua, per eccesso di luce. Quasi sempre vi sono parole che si librano nell’aria come suoni e sono la chiave di lettura del suo lavoro, la loro porta d’accesso.

Nel 2018 la galleria Zanini Arte gli dedica una personale intitolata “Geografia dei Silenzi” e presenta il progetto internazionale “NEW FAUSTIAN WORLD” a cura del prof. RAFFAELE QUATTRONE e 24 ORE CULTURA al quale Mauro Pipani partecipa insieme a Njideka Akunyili Crosby, Glenn Brown, Maurizio Cannavacciuolo, Andrea Chiesi, Tiffany Chung, Alberto Di Fabio, Kepa Garraza, NS Harsha, Alessandro Moreschini, Imran Qureshi, Terry Rodgers, Raqib Shaw, Li Songsong, Philippe Taaffe, Josep Tornero, Jan Worst.

Contattaci per maggiori informazioni, disponibilità e prezzi.

Opera richiesta:

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy, di essere consapevole del fatto che il Titolare tratterà dati personali a me riferibili al fine di erogare la richiesta. Obbligatorio.