gennaio 07, 2013
PAOLO MEDICI (apri)
PAOLO MEDICI (apri)

Opera in evidenza: Nuvola, 100 x 100 cm

 

“ Lascia perdere ” disse Cagli davanti al mio primo quadro che vide.
Non fu così.
A quattordici anni correvo fuori scuola per incontrare il Maestro che nei miei sogni rappresentava la magia del colore, della vita.
Studiavo in fretta per poter ascoltare le parole che traducevo nei miei segni.
Fu così che cercai nei pastelli cerosi, nella sottile carta nera, nella superficie scabra dei quaderni, nelle reti metalliche, sulla pelle dei vetri o nelle carte da parati, le mie materie privilegiate.
Ho continuato su questa strada: ho lavorato e sperimentato fino a raggiungere il “modo mio”.
Ed è così che sono arrivato al mare.

Paolo Medici

                                                                                                                                           

BIOGRAFIA

Paolo Medici è nato a Roma nel 1955 ed ha frequentato come allievo lo studio di Corrado Cagli, perfezionando i suoi studi di pittura fino al 1976.
Se la tecnica che predilige è il “ frottage” che sfrutta lo strofinio dei pastelli cerosi ad olio su carta poi intelata, il tema delle sue opere è l’antico, a volte la storia, a volte il mito, non sentito come sogno o nostalgia, ma come presenza certa e determinata.
Dal 1990 vive e lavora a Bologna. Dal 1974 ha partecipato a moltissime mostre nelle più importanti città Italiane vincendo numerosi premi.

 

 

“Il pittore si serve del disegno come strumento di indagine e di comprensione dell’io più profondo, con la convinzione che l’espressione dei volti, i gesti e le posizioni del corpo umano siano la conseguenza visibile dei moti dell’animo ”.

Eccellente nella tecnica del “frottage” , Medici sa dare alle sue figure una concretezza avvincente ed una singolare spiritualità, con un segno esile, sensuoso ed una sapiente modulazione tonale, rivelando una straordinaria forza plastica-cromatica, che traduce nella fisionomia dei volti, l’intensità affettiva e la profondità della concentrazione meditativa.

La sua arte, degna e sicura, unisce in perfetto accordo gli insegnamenti che, con la sua raffinata personalità, ha appreso da Cagli, il suo maestro.

Da ciò ha origine un’arte pittorica che è piena di un’eletta sensibilità, un’opera pittorica molto armoniosa e ben disposta, dallo stile squisito, piena di magia, che si allarga oltre la bellezza dei soggetti, dei personaggi, delle figure, fino a noi.

Si capisce, che egli illumina e ravviva dal di dentro le sue figure con un morbido tratto appassionato e con sapiente modulazione di colore, libera da ogni pathos: un parametro tra la persona e ciò che la circonda.

È il corpo ad essere in primo piano, in quanto espressione di un sentimento, di una passione, di un ricordo indissolubilmente legato alla psiche, intraducibile nei suoi significati reconditi.

 

Alberto Di Pietro

 

 

Madamoiselle Chery, 100 x 70 cm

 

Androgino, 70 x 100 cm

 

Madamoiselle, 100 x 70 cm

 

About Face, 28 x 20 cm

 

About Face, 28 x 20 cm

 

About Face, 28 x 20 cm

 

About Face, 28 x 20 cm

 

About Face, 28 x 20 cm

 

About Face, 28 x 20 cm

 

About Face, 28 x 20 cm

    No comments yet

    COMMENT