gennaio 05, 2013
LUCIANO NAVACCHIA (apri)
LUCIANO NAVACCHIA (apri)

Opera in evidenza: “Senza Titolo”  2013, h:180 cm

 

Nato a Cesena nel 1946, Luciano Navacchia ha allestito la sua prima mostra personale a Rimini nel 1969. Inizialmente influenzato dalla dominante realista della cultura figurativa cesenate, ha affrontato tematiche d’impegno sociale e riguardanti la condizione esistenziale dell’uomo nella realtà del suo tempo, con un linguaggio pittorico di marca espressionista, dai tratti cupi ed esasperati. Più di recente la sua pittura si è caricata di emotività e di eccitazione inventiva con l’immagine sempre meno imbrigliata nella forma e carica di essenzialità rappresentativa. Recente è il transito di Navacchia alla scultura con opere anche di grande dimensione, realizzate in lamine di ferro, sapientemente aggregate e finemente lavorate e decorate..

 

 Per Luciano Navacchia la figura umana acquista una valenza di primo piano sia nelle opere pittoriche sia nelle sculture. Un’atmosfera inquieta avvolge i gruppi di persone mettendo in evidenza una solitudine e, a volte, una sorta di incomunicabilità. L’icona umana diviene poi protagonista delle sculture spesso bloccate nell’immobilità e fissità di un palcoscenico lontano nel tempo. L’immagine ha quindi un aspetto arcaico che ricorda figure egiziane, africane oppure mitologiche ma nelle quali non è esente un riferimento all’attualità, si tratta di immagini iconiche, presenze totemiche di donne, madri, fanciulle che appartengono al nostro tempo, perché l’intento dell’artista è contribuire ad una ricerca ad ampio spettro. Una ricerca che genera stupore e meraviglia.

 

Esposizione presso la nostra galleria “Tracce della memoria” 4 maggio – 1 giugno 2013

 

    No comments yet

    COMMENT